Facebook, un cimitero virtuale

Facebook è un grande cimitero: i profili sono tombe, perché l'dentità personale è usata solo come un marchio promozionale accompagnato da indicatori quantitativi, proiettata verso una popolarità virtuale. La morte ha preso il posto della vita anche e soprattutto, eminentemente sul web. L'antropologia esistenziale viene sepolta in biblioteca non da uomini bensì da una macchina virtuale (un sito internet come Facebook) che produce identità correlate. La riproduzione del sistema, non più la produzione tramite il lavoro, è l'obiettivo fondamentale, cui gli individui disciplinatamente cooperano negoziando la propria visibilità. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...